Chi ha dei soldi e deve decidere dove depositarli per metterli al sicuro deve fare una scelta importante: è meglio optare per il classico conto corrente presso una banca oppure per il conto corrente postale? Vediamo quali sono le caratteristiche di questa opzione, quando conviene, come aprirlo e quali sono i suoi costi di gestione e di chiusura.

Quando conviene un conto corrente postale: le tipologie di conto

Dal punto di vista delle definizioni non ci sono grosse differenze: con il conto corrente postale, Poste Italiane custodisce i risparmi del cliente e li gestisce tramite l’utilizzo di servizi come il versamento e il prelievo in contanti e i pagamenti nei limiti del saldo disponibile. Anche al conto corrente postale si possono collegare ulteriori servizi come la carta di debito o di credito, gli assegni, i bonifici, il fido e gli addebiti diretti.

Ma allora quando conviene scegliere questa soluzione anziché il normale conto in banca? Come sempre prima di decidere su quale prodotto puntare è necessario fare un confronto delle loro caratteristiche e dei loro costi, in modo da individuare l’opzione più in linea con le proprie esigenze e con il proprio profilo.

Poste Italiane mette a disposizione due prodotti:

  • Conto di Base BancoPosta, offre i servizi essenziali di pagamento ed incasso. Nel canone sono inclusi una carta di debito e un numero di operazioni definito. La versione standard prevede un canone annuo di 30 euro (il conto è gratuito per chi ha un ISEE inferiore a 11.600 euro), ma c’è anche la versione per pensionati che ricevono trattamenti fino a 18.000 euro annui (il conto è gratuito ed include un numero fisso di operazioni);
  • Conto BancoPosta, disponibile in varie versioni:
    • Start Giovani (per chi ha meno di 30 anni), con canone mensile di 2 euro, include la carta di debito, l’accesso ai servizi di banca online tramite il sito poste.it e l’app BancoPosta, e i bonifici e postagiro online da app illimitati; sono inclusi anche un carnet di assegni all’anno, i prelievi dagli ATM Postamat. Per chi accredita lo stipendio sul conto o possiede una Postepay Evolution il canone mensile di riduce a 1 euro;
    • Start, adatto a chi ha una bassa operatività e non ha particolari esigenze finanziaria. Il canone mensile è di 6 euro ed include la carta di debito (anche per l’eventuale secondo intestatario), l’accesso ai servizi di banca online tramite il sito poste.it e l’app BancoPosta, un carnet di assegni all’anno, i prelievi dagli ATM Postamat. Per chi accredita lo stipendio sul conto o mantiene una giacenza mensile si almeno 3.000 euro il canone mensile di riduce rispettivamente a 5 o a 4 euro;
    • Medium, consigliato per chi ha una media operatività ed effettua numerosi pagamenti o trasferimenti di denaro. Il canone mensile di 7 euro include la carta di debito (anche per l’eventuale secondo intestatario), l’accesso ai servizi di banca online tramite il sito poste.it e l’app BancoPosta, i bonifici e i postagiro illimitati da app, un carnet di assegni all’anno, i prelievi dagli ATM Postamat. Per chi accredita lo stipendio sul conto o mantiene una giacenza mensile si almeno 3.000 euro il canone mensile di riduce rispettivamente a 6 o a 5 euro;
    • Plus, consigliato per i clienti con media o alta operatività, che sfruttano molto i pagamenti online e con carta di credito. Il canone mensile di 9 euro include la carta di debito (anche per l’eventuale secondo intestatario), l’accesso ai servizi di banca online tramite il sito poste.it e l’app BancoPosta, i bonifici e i postagiro illimitati da app, una carta di credito, un carnet di assegni all’anno, i prelievi dagli ATM Postamat. Per chi accredita lo stipendio sul conto o mantiene una giacenza mensile si almeno 3.000 euro il canone mensile di riduce rispettivamente a 8 o a 7 euro.

Come aprire il conto, costi di gestione e di chiusura

Per aprire un conto corrente postale è necessario recarsi presso un ufficio postale: ce ne sono più di 12.000 in tutto il territorio italiano. Per avere maggiori informazioni sulle varie tipologie di conto è possiile chiamare il servizio clienti al numero 800003322. Per conoscere più nel dettaglio quali sono i costi di un conto corrente postale è possibile consultare il foglio informativo. Per quanto riguarda il Conto BancoPosta nella versione Start (senza contare le condizioni di azzeramento e riduzione) le spese sono le seguenti:

  • spese di apertura conto: gratuite;
  • spese di tenuta conto: 106,20 euro, di cui 72 euro di canone (6 x 12) e massimo 34,20 euro per l’imposta di bollo (applicata solo per giacenze superiori ai 5.000 euro);
  • le operazioni di registrazione di addebitamenti ed accreditamenti sono gratuite;
  • carta di debito BancoPosta Mastercard: gratuita;
  • canone annuo per la carta di credito (opzionale): 37 euro per la carta Classica Principale, 55 euro per la carta Oro Principale;
  • carnet assegni: gratuito il primo blocchetto di ogni anno, 3 euro per quelli successivi;
  • home banking: gratuito;
  • Prelievo da ATM Postamat: gratuito;
  • Prelievo da altri ATM in Italia: 1,75 ero;
  • Bonifico SEPA allo sportello: 3,50 euro (10 euro se verso Svizzera, Principato di Monaco, Città del Vaticano, Principato di Andorra);
  • Bonifico SEPA tramite internet banking e app: 1,00 euro (7,50 euro + lo 0,15% dell’importo se verso Svizzera, Principato di Monaco, Città del Vaticano, Principato di Andorra);
  • Bonifico extra-SEPA tramite internet banking: 7,50 euro + lo 0,15% dell’importo;
  • addebito diretto SEPA: 0,40 euro;
  • ricarica Postepay: 1,00 euro.

Non sono previste spese di chiusura: il cliente può recedere dal contratto in ogni momento con una comunicazione scritta (da inviare con due mesi di anticipo se non c’è una giusta causa).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *