Qualche anno fa molta gente aveva iniziato ad interessarsi ad Arca Cash Plus, un fondo di investimento composto di azioni ed obbligazioni a breve termine; nel 2015 però la società di gestione del risparmio ha deciso di fondere Arca Cash Plus in Arca Strategia Globale Crescita, un prodotto sicuramente meno liquido. Vediamo cos’è e quali investimenti propone.

RICHIEDI IL TUO PRESTITO

Cos’è diventato il vecchio Arca Cash Plus?

Arca Strategia Globale Crescita (il fondo in cui si è trasformato Arca Cash Plus) rientra nella categoria dei prodotti bilanciati prudenti globali. Il fondo è rivolto agli investitori che puntano ad una crescita dei loro risparmi nel medio termine attraverso investimenti molto diversificati. Non ci sono vincoli per quanto riguarda gli strumenti finanziati utilizzabili dal fondo, quindi il suo portafoglio può essere composto da titoli di debito, titoli di capitale (fino ad un massimo del 30%) e titoli del mercato monetario.

Le aree di investimento sono soprattutto i paesi europei, gli Stati Uniti, il Giappone e i Paesi emergenti, mentre la durata media del portafoglio è compresa tra gli 0 e i 10 anni. Vengono utilizzati strumenti derivati con lo scopo di copertura dei rischi e non solo (la leva finanziaria è massimo a 2). Si tratta di un fondo ad accumulazione dei proventi; i partecipanti possono richiedere il rimborso totale o parziale delle quote in qualsiasi momento, ma si tratta comunque di un investimento consigliato agli investitori che pensano di ritirare le quote solo dopo almeno tre anni.

Quali investimenti propone e qual è il livello di rischio

In base alla volatilità storica del fondo, all’investimento è stato assegnato un grado di rischio pari a 3 in una scala in cui l’1 rappresenta il valore meno rischioso (operazioni con rendimenti potenzialmente più bassi) e il 7 rappresenta il valore più rischioso (operazioni con rendimenti potenzialmente più alti). Chi entra nel fondo deve sostenere delle spese, rappresentate dai costi di sottoscrizione (pari al 3,00%) e dalle spese correnti (1,13%); non ci sono invece commissioni di performance e spese di rimborso. Il portafoglio è composto da:

  • azioni
    • 35,09% cicliche (materie prime, beni di consumo ciclici, immobiliare, finanza)
    • 39,86% sensibili (energia, telecomunicazioni, tecnologia, beni industriali)
    • 25,06% difensive (servizi di pubblica utilità, beni difensivi, salute);
  • obbligazioni (per lo più di rating BBB)
    • 62,13% America;
    • 25,14% Europa;
    • 12,73% Asia
  • altro.

Si tratta di un investimento abbastanza diverso dal vecchio Arca Cash Plus, che aveva un profilo di rischio più basso (2) e un periodo minimo raccomandato più breve (2 anni).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *