Prestiti Intesa Sanpaolo 2016

Tra le principali banche europee, Intesa Sanpaolo è uno degli istituti di credito più attenti alle esigenze della propria clientela, mediante la predisposizione di pacchetti di servizio competitivi e dotati di un discreto grado di flessibilità. Ma come funzionano i Prestiti Intesa Sanpaolo? Quali sono gli elementi sui quali dovreste riporre grande attenzione? Quali i vantaggi riservati a tutti coloro i quali desiderano poter disporre di un prestito veloce e flessibile? Cerchiamo di svelare tutto ciò che dovete sapere sui pro e sui contro di questa forma di credito!

Prestiti Intesa Sanpaolo Prestito Facile

Buona parte del nostro approfondimento odierno è naturalmente legato al Prestito Facile, il principale prestito personale erogato da Intesa Sanpaolo a tutti coloro i quali desiderano poter supportare delle spese personali o familiari, attraverso una linea di credito particolarmente flessibile che – tra le altre opzioni – permette di modificare la rata quando si vuole, spostando più in avanti il pagamento nelle situazioni di bisogno. Richiedibile online o con l’aiuto del proprio gestore, ampiamente personalizzabile, è eventualmente abbinabile con una polizza assicurativa che tutelare il debitore contro alcuni eventi che potrebbero impedire il regolare rimborso del capitale, come infortuni, malattie o perdite del posto di lavoro.

Vediamo quindi, nel dettaglio, le sue caratteristiche:

  • Importo: l’importo totale del credito è compreso tra un minimo di 2.000 euro e un massimo di 75.000 euro.
  • Durata: il piano di ammortamento è ampiamente personalizzabile, e può essere compreso tra un minimo di 24 mesi (2 anni) e un massimo di 120 mesi (10 anni) con durate intermedie con cadenza annuale.
  • Tasso: al finanziamento può essere applicato un tasso di interesse fisso o un tasso di interesse variabile, a seconda che il cliente della banca desideri indebitarsi a condizioni certe e invariabili, o a condizioni in linea con quelle vigenti sui mercati creditizi. Nel caso in cui si opti per il tasso fisso, il tasso sarà del 9%. Nell’ipotesi in cui, invece, il cliente desideri indebitarsi a tasso di interesse variabile, si tenga conto come alla scelta (possibile solo per importi tra i 50.000 euro e 75.000 euro) consegua l’applicazione di un tasso di interesse parametrato sull’Euribor a 1 mese, oltre a 5,90 punti percentuali di spread.
  • Polizze: anche in questa occasione ricordiamo come il finanziamento Intesa Sanpaolo (e gli altri prestiti di questa o di altre banche) non siano necessariamente accompagnati da polizze assicurative. Le coperture sono pertanto da ritenersi esclusivamente accessorie, facoltative e non vincolanti per l’ottenimento di un finanziamento. Ne consegue che il consumatore potrà scegliere se sottoscrivere o meno una polizza assicurativa con la banca, o sottoscriverla o meno con altri operatori presenti sul mercato.
  • Interessi di mora: nel caso in cui vi siano dei ritardi di pagamento, saranno addebitati al consumatore degli interessi di mora pari al tasso di interesse applicato già al finanziamento, maggiorato di 2 punti percentuali.
  • Altri costi: nell’ipotesi di mancato pagamento, verranno applicate al consumatore spese del 10% del credito vantato per solleciti telefonici, 15% del credito vantato per spese recupero crediti diversi da quelli telefonici, 25,82 euro di commissioni per la risoluzione o per la decadenza del beneficio del termine, 2,58 euro per l’addebito diretto insoluto, spese legali per il recupero del credito a seconda delle tariffe professionali vigenti al momento dell’incarico.

Segnaliamo infine come il finanziamento sia accompagnato dall’opzione Posticipo Rata, che permette al cliente dell’istituto di credito di poter posticipare il pagamento di una rata in caso di temporanea difficoltà. Si tenga conto che il numero complessivo di rate posticipabili con l’opzione di flessibilità coincide con la durata originaria del prestito in anno, meno uno. Pertanto, se il finanziamento è, ad esempio, contratto per 4 anni, il numero massimo di rate posticipabili sarà pari a 3.

Prestiti Intesa Sanpaolo Prestito In Tasca

Oltre alla principale forma di prestito personale già accennata nelle righe che precedono, Intesa Sanpaolo possiede ottime forme alternative di linee di credito piuttosto flessibili. Cominciamo, in questa breve rassegna, dal Prestito In Tasca, una linea di credito per gli acquisti personali e familiari, da utilizzare un pò per volta a seconda delle proprie esigenze, anche future. Sancito il plafond che si avrà a disposizione, sarà dunque il cliente a scegliere gli importi dei prestiti – anche di dimensioni ridotte – in linea con le necessità finanziarie che si manifestano.

La linea di credito In Tasca può essere valorizzata per importi massimi di 5.000 euro, e può essere fruita per durate comprese tra i 12 e i 48 mesi. Si noti come le spese di istruttoria del prestito e le commissioni di incasso rata siano fortunatamente pari a zero. Gli unici costi (oltre all’imposta di bollo per l’attivazione di ogni prestito erogato, nella misura in vigore al momento dell’erogazione stessa) sono relativi alle commissioni per l’invio di documenti cartacei, ai sensi di legge, pari a 0,70 euro.

Prestiti Intesa Sanpaolo Prestito Giovani

Come intuibile, il Prestito Giovani di Intesa Sanpaolo è un finanziamento dedicato per i clienti con meno di 35 anni: a costoro l’istituto di credito riserva qualche opzione di flessibilità aggiuntiva. Per quanto concerne le principali caratteristiche, l’importo massimo del finanziamento è pari a 30 mila euro, la durata massima del piano di rimborso è stabilita in 10 anni, l’opzione posticipo rate è sempre garantita (sarà possibile rimandare il pagamento della rata, in base alla durata del prestito). È inoltre possibile personalizzare il prodotto con l’inclusione di una copertura assicurativa che tutelerà contro il rischio di non poter rimborsare il finanziamento nei modi e nei tempi concordato, per infortuni, malattie o perdite involontarie del proprio posto di lavoro.

Prestiti Intesa Sanpaolo Servizio Monorata

Il Servizio Monorata, come intuibile, è il prestito di Intesa Sanpaolo dedicato al consolidamento dei debiti. Se pertanto si hanno in corso più prestiti in più istituti di credito, Servizio Monorata permetterà di inglobarli in un unico prestito dell’importo massimo di 75 mila euro e della durata fino a 10 anni. Anche in questo caso, è possibile abbinare al finanziamento l’opzione di posticipo rate, e la polizza di protezione del prestito contro infortuni, malattie e perdita del posto di lavoro. È inoltre possibile cambiare l’importo della rata durante il finanziamento, a seconda delle proprie mutate esigenze.

Come saperne di più

Per poterne sapere di più sui finanziamenti Intesa Sanpaolo, vi consigliamo di consultare il sito internet intesasanpaolo.com o recarvi in una qualsiasi agenzia della banca. Se invece volete esprimere la vostra opinione sui prodotti di questa banca o volete comunicarci qualcosa sugli stessi, potete utilizzare lo spazio dei commenti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *