BNL: i nuovi prestiti per dipendenti pubblici

bnlLa BNL presenta i nuovi prestiti personali riservati per i dipendenti pubblici che sono oggetto dei tassi di interesse aggiornati al ribasso. Buone notizie, dunque, per tutti quei lavoratori dipendenti della pubblica amministrazione, e di tutte le società a gestione statale, comunale o provinciale, che necessitano di un finanziamento.

La Bnl, come sappiamo, è una delle 4-5 banche con la maggior presenza sul territorio italiano e particolarmente attiva nell’erogazione di prestiti personali. Vediamo, nel dettaglio, come funziona questo prodotto e come si può richiedere.

Prestito BNL Dipendenti pubblici fino a 100 mila euro

Si tratta di un finanziamento molto interessante che permette di richiedere un importo massimo di 100 mila euro rimborsabili in un periodo che va dai 12 ai 120 mesi. Si tratta di un prestito di nuova concezione che, come viene sottolineato dalla stessa Bnl, ha le 3 caratteristiche fondamentali: sostenibile, flessibile e rinnovabile.

Sostenibile perchè la rata può essere ritagliata su misura sulle esigenze del cliente (variando la durata), flessibile perchè dopo i primi 12 mesi si può richiedere la sospensione di una o più rata in caso di difficoltà economica, e rinnovabile perchè dopo aver pagato almeno 6 rate è possibile chiedere della liquidità aggiuntiva (sempre se la propria capacità reddituale lo consente).

Tutto ciò è possibile perchè il finanziamento si rivolge a lavoratori dipendenti della pubblica amministrazione. Come ben sappiamo, infatti, i dipendenti pubblici sono tra i clienti più ambiti da banche e finanziarie perchè il proprio reddito viene pagato direttamente dallo stato e, proprio per questo, viene considerato tra i più sicuri in assoluto insieme a quello dei pensionati inps.

Pro e contro del prestito Bnl per dipendenti statali

Ovviamente ci sono diversi vantaggi ma, anche, qualche svantaggio. Tra gli aspetti positivi segnaliamo il fatto di poter richiedere un prestito in tempi davvero veloci. Tra richiesta, gestione pratica ed erogazione della somma richiesta non passa più di una settimana.

Un altro aspetto molto importante riguarda il tasso di interesse che, seppur varia in funzione delle esigenze del cliente, dalle simulazioni che abbiamo fatto risulta essere sempre molto interessante. Un aspetto meno positivo, invece, riguarda le modalità di richiesta.

Per poter avviare la pratica, infatti, è necessario recarsi in filiale. Come abbiamo detto più volte negli ultimi mesi, sono sempre di più le banche che offrono la possibilità di richiedere un prestito personale online e da un istituto di credito del livello della BNL ci saremmo aspettati un’attenzione maggiore a questo aspetto. Un aspetto che, nel 2016, non può più essere considerato marginale.

Alternative al finanziamento Bnl dipendenti pubblici

Esistono diverse alternative nel settore dei finanziamenti ai dipendenti statali, comunali o provinciali. In particolare segnaliamo la cessione del quinto dello stipendio di Unicredit, prodotto riservato proprio ai lavoratori della pubblica amministrazione, PerTe Dipendenti pubblici, ossia il prodotto di Intesa Sanpaolo dedicato esclusivamente a questa categoria di lavoratori, e la Cessione del quinto dello stipendio di Compass che permette di ottenere fino a 75 mila euro in contati con gestione della pratica online.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *