Quotazione oro oggi: continua la discesa e perde quasi l’1% in Borsa. Il crollo del prezzo continuerà nel 2017 (previsioni)?

quotazione-oroL’oro continua la sua discesa perdendo anche oggi quasi l’1% sul prezzo al grammo, attestandosi su quota 35,04€, mentre perde lo 0,34% scendendo a quota 1.155,92$ all’oncia. A parte una rapida risalita del prezzo subito dopo l’elezione di Donald Trump a Presidente degli Stati Uniti d’America, l’oro ha continuato a scendere sempre più, crollando fino ai valori attuali.

Quanto sia anomala questa situazione è evidente a tutti, con il prezzo dell’oro che soltanto alcune settimane fa sembrava lanciato sopra quota 1,4 dollari l’oncia.

Ora invece sembra difficile che il prezzo dell’oro possa tornare presto sopra quota 1,2, anzi alcuni analisti lo vedono in picchiata sotto quota 1,1 per l’inizio del 2017.

Come si sa l’oro è un bene rifugio, ed il trend del suo prezzo potrebbe cambiare rapidamente in seguito a qualche evento particolarmente rilevante, quindi per il momento sembra che non ci sia troppo da preocciparsi.

IL PREZZO DELL’ORO, LE PREVISIONI DEGLI ANALISTI PER IL 2017

Le previsioni degli analisti sul prezzo dell’oro per il 2017 non sono molto positive, anche a seguito del crollo di ben il 7% delle vendite di ETF legati all’oro.

Altri fattori a rischio sono il possibile rialzo dei tassi d’interesse da parte della FED ed il collegato aumento dei rendimenti obbligazionari, oltre al proseguo del QE da parte delle maggiori banche nazionali per tutto il 2017.

Però se Donald Trumpo avvierà la sua annunciata politica di 500 miliardi di dollari di spesa nelle infrastrutture, si potrebbe assistere ad un aumento del prezzo dell’oro a causa soprattutto dell’inflazione.

I fattori in bilico sono molti, ed alcuni analisti come quelli di Credit Suisse, vedono addirittura l’oro tornare sopra quota 1,4 dollari entro la fine del 2017. Staremo a vedere, intanto il prezzo dell’oro continua a scendere ed all’orizzonte non sembrano esserci segnali di un’inversione di tendenza tanto vicina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *