Fondofonte: cos’è e come funziona?

Avrete sicuramente sentito parlare di fondo Fon.Te. Si tratta di un fondo pensionistico complementare per i dipendenti del settore terziario, per i dipendenti del turismo, commercio, servizi.

fondo Fon.Te è acronimo di Fondo Persone Complementare a capitalizzazione per i lavoratori del commercio, del turismo e dei servizi. Si tratta, in sostanza, di una forma di previdenza per un trattamento pensionistico complementare a quello obbligatorio. In sostanza permette di costruirsi una pensione aggiuntiva rispetto a quella pubblica, per tutelare il proprio futuro e quello dei propri cari.

Il fondo Fon.Te è un soggetto giuridico autonomo le cui risorse sono patrimonio separato da quello della banca o dei gestori ed il cui dissesto non ha conseguenze sul patrimonio.

Di che si tratta e come funziona di preciso?

Cominciamo a vedere chi può aderire a fondo Fon.Te:

  • i lavoratori a tempo indeterminato, sia a tempo pieno che part time, ai quali si applica il CCNL terziario, della distribuzione e servizi, o il CCNL per dipendenti del settore turismo
  • lavoratori assunti a contratto a tempo determinato o stagionali con attività lavorativa di almeno 3 mesi ogni anno
  • lavoratori del settore artigiano ai quali si applicano i CCNL stipulati da organizzazioni sindacali e dei datori di lavoro che hanno sottoscrittori l’adesione a fondo Fon.Te
  • altri secondo la disciplina del settore che hanno sottoscritto l’accordo fondo Fon.Te.

Nel momento in cui si aderisce a fondo Fon.Te, si può scegliere fra diversi comparti nei quali è possibile investire il proprio denaro.

Questi comparti presenti ad oggi sono:

  • comparto garantito, che è destinato a raccogliere il TFR
  • comparto crescita, per un investimento nel periodo medio-lungo, con rischio medio alto e alto rendimento
  • comparto bilanciato, con rendimento alto, ideale per investimento pluriennale
  • comparto dinamico, per una gestione dai 15 anni in su, grado di rischio alto e rendimenti alti (nel 2014 oltre l’11%).

Una volta che si aderisca a fondo Fon.Te è anche possibile richiedere il trasferimento, riscatto, l’anticipo delle prestazioni secondo quanto stabilito dalla legge o dallo statuo del fondo.

Ad esempio dopo due anni di partecipazione a fondo Fon.Te o in caso di nuovo lavoro è possibile chiedere l’anticipo parziale per le spese sanitarie per sè e per la famiglia, acquisto o ristrutturazione della prima casa o altre esigenze.

Si può riscattare la posizione dal fondo Fon.Te in caso di almeno due anni di disoccupazione, decesso, oppure di invalidità che riduce a meno di un terzo le capacità lavorative.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *