Come le automobili per circolare necessitano di una polizza RC auto, anche agli autocarri serve un’assicurazione per poter regolarmente transitare su strade pubbliche. Per questa categoria di mezzi sono state pensate delle soluzioni apposite, ideali per tutti quei veicoli con un peso non superiore ai 35 quintali.

Generalmente, questo tipo di assicurazione viene utilizzato per furgoni e altri tipi di veicoli ad uso commerciale, ma può essere sottoscritta anche per mezzi privati se immatricolati, per l’appunto, come autocarri, quali ad esempio potrebbero essere SUV e jeep.

Soprattutto per chi non si è mai occupato di questo genere di polizze, scegliere quella giusta non è di certo un compito semplice. Per questo motivo è consigliato informarsi adeguatamente. Online, grazie ad alcuni portali come ad esempio Assicurazioniautocarri.com, è possibile reperire moltissime informazioni utili al fine di scegliere la migliore assicurazione per le proprie esigenze, prendendo in esame anche i fattori che incidono sul costo della polizza.

I fattori che incidono sul costo

A questo proposito, per primo è importante considerare l’utilizzo che si andrà a fare del mezzo.

Il prezzo varia in caso di uso personale o conto terzi: nel secondo caso, infatti, sarà necessario sottoscrivere anche un’assicurazione per le merci trasportate.

Da ricordare anche la differenza tra uso privato e professionale, con il primo caso che tendenzialmente presenta costi inferiori rispetto al secondo.

Analogamente all’RC Auto, il costo della polizza varia anche in base alla classe di merito: più è alta, maggiore sarà il costo dell’assicurazione, con il discorso che ovviamente si ribalta nel caso la classe di merito fosse più bassa.

Infine è opportuno tenere in considerazione anche l’età e  il numero dei conducenti. Se il mezzo viene utilizzato da più persone o da conducenti più giovani, e quindi più inesperti, l’assicurazione sarà inevitabilmente più costosa.

Quando si sceglie un’assicurazione, quindi, è necessario tenere bene a mente questi parametri. Informarsi è l’unico modo per fare una scelta consapevole e funzionale alle proprie esigenze.

Le differenze con L’RC auto

Molti potrebbero pensare che le assicurazioni per autocarri abbiano lo stesso funzionamento delle RC auto. Prima di analizzare i tipi di assicurazioni per autocarri, è opportuno sottolineare la differenza rispetto alla polizza RC per le auto.

Quella più importante riguarda il calcolo dell’assicurazione che, nel caso di autocarri, non avviene sulla base della cilindrata come per le auto, ma bensì in funzione della portata del mezzo.

La logica che sta dietro a questo ragionamento è molto semplice: se è più probabile che sia una macchina più veloce a fare i maggiori danni, quando si parla di autocarri è molto più probabile che sia un veicolo con una mole notevole a procurare maggiori problemi in caso di incidente. Per questo motivo i parametri di calcolo cambiano tra assicurazioni per auto e per autocarri.

I tipi di assicurazione per autocarri più comuni

Non tutte le assicurazioni per autocarri sono uguali. Il tipo di assicurazione, e di conseguenza di copertura, è il primo fattore che influisce sul prezzo finale.

Vi sono le assicurazioni la cui copertura è garantita l’autocarro solamente durante gli orari lavorativi. Questa può essere un’ottima soluzione per mezzi utilizzati esclusivamente per fini commerciali, ma è da escludere per veicoli che saltuariamente potrebbero essere impiegati anche per uso privato.

Proseguendo, ci sono le assicurazioni che coprono solamente un numero di incidenti massimo in un anno. Queste possono costituire un’ottima soluzione per i veicoli che non vengono usati molto oppure che vengono utilizzati solamente per un chilometraggio ristretto.

Discorso analogo per le assicurazioni che coprono  un numero massimo di chilometri percorsi dall’autocarro in un anno: superata la soglia pattuita, il mezzo non sarà più coperto dall’assicurazione. Per concludere si possono trovare le assicurazioni a consumo, il cui prezzo è proporzionale alla distanza percorsa dal mezzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *